BlogLa Psilocibina diminuisce il flusso sanguinio al cervello
  • $

$ 0, -

0,00 USD

La Psilocibina diminuisce il flusso sanguinio al cervello

21-04-2011

I consumatori di droghe psichedeliche nel corso dei secoli hanno per la maggior parte descritto le loro esperienze come un'espansione mentale. Potrebbero essere sorpresi, quindi, di sentire che la psilocibina - l'ingrediente attivo nei funghetti magici - in effetti diminuisce il flusso del sangue e la connettività tra importanti aree del cervello che controllano la percezione e la cognizione.

Le stesse aree possono essere iperattive nei pazienti che soffrono di depressione, rendendo questa droga una potenziale opzione nel trattamento della condizione.

Questo studio è particolarmente interessante, perché è la prima volta che gli effetti della psilocibina sono stati misurati con le fMRI. È anche stato la prima volta in decenni che nel Regno Unito si sperimentasse scientificamente con questa droga allucinogena e con partecipanti umani.

Robin Carhart-Harris presso l'Imperial College di Londra e i suoi colleghi hanno reclutato 30 volontari che hanno accettato di essere iniettati con la psilocibina e avere il loro cervello scansionato con due tipi di fMRI.

La metà dei volontari durante il loro "trip" si sono fatti misurare il flusso sanguinio, mentre il resto ha subito una scansione che misurava la connettività tra le diverse regioni del cervello.

"Sotto l'effetto della psilocibina si vede una riduzione relativa delle communicazioni tra l'ippocampo e le regioni corticali", dice Carhart-Harris. "I cambiamenti nella funzione nel cingolo posteriore, in particolare, sono associati ai cambiamenti della coscienza."

Carhart-Harris ha presentato il suo lavoro al Breaking Convention una conferenza all'università di Kent in Canterbury, Regno Unito, la settimana scorsa.

Leggi l'articolo completo qui.


Sei maggiorenne?

Per visitare il nostro sito devi confermare di essere maggiorenne.